Example: bankruptcy

Aiello Presentazione PPT Progetto ingegnere - …

Commissione GiovaniCatania - 06 dicembre 2013 Progetto ingegnere SEMINARI DI AVVIO ALLA PROFESSIONE PER GIOVANI INGEGNERI COMMISSIONE GIOVANIORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIAFONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIAI REGIMI FISCALI PER I PROFESSIONISTIDott. Andrea AielloCommissione GiovaniDott. Andrea AielloIl QUADRO NORMATIVO DI 917/1986 - TUIRArt. 53 Redditi di lavoro autonomoArt. 54 Determinazione del redditidi lavoro autonomoCommissione GiovaniDott. Andrea AielloDEFINIZIONE DI LAVORO AUTONOMOl art. 2222 del codice civile definisce lavoro autonomo il contratto d opera in cui: una persona si obbliga a compiere, verso un corrispettivo, un opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio e senza vincoli di subordinazione nei confronti del committente Art.

Commissione Giovani Dott. Andrea Aiello DEFINIZIONE DI LAVORO AUTONOMO l’art. 2222 del codice civile definisce lavoro autonomo il contratto d’opera in cui: “una persona si obbliga a compiere, verso un

Information

Domain:

Source:

Link to this page:

Please notify us if you found a problem with this document:

Other abuse

Transcription of Aiello Presentazione PPT Progetto ingegnere - …

1 Commissione GiovaniCatania - 06 dicembre 2013 Progetto ingegnere SEMINARI DI AVVIO ALLA PROFESSIONE PER GIOVANI INGEGNERI COMMISSIONE GIOVANIORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIAFONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIAI REGIMI FISCALI PER I PROFESSIONISTIDott. Andrea AielloCommissione GiovaniDott. Andrea AielloIl QUADRO NORMATIVO DI 917/1986 - TUIRArt. 53 Redditi di lavoro autonomoArt. 54 Determinazione del redditidi lavoro autonomoCommissione GiovaniDott. Andrea AielloDEFINIZIONE DI LAVORO AUTONOMOl art. 2222 del codice civile definisce lavoro autonomo il contratto d opera in cui: una persona si obbliga a compiere, verso un corrispettivo, un opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio e senza vincoli di subordinazione nei confronti del committente Art.

2 53 TUIRSono redditi di lavoro autonomo quelli che derivano dall esercizio di arti e professioni (esercizio di professione abituale, ancorch non esclusiva, di attivit diverse da quelle d impresa) Commissione GiovaniDott. Andrea AielloDEFINIZIONE DI PROFESSIONISTIAll interno della categoria dei lavoratori autonomi rientrano poi leprofessioni intellettualiart. 2229 del caratterizzate da una preventiva iscrizione in appositi albi tenuti dagli Ordini professionali atti a garantire al committente l esistenza in capo al professionista delle caratteristiche tecnico professionali necessarie allo svolgimento dell attivit .Commissione GiovaniDott. Andrea AielloL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO AUTONOMOIl professionista pu organizzare la propria attivit in differenti forme:- lavoro individuale;- lavoro in forma associata (studio associato);- costituzione di una societ (d ingegneria o STP)Commissione GiovaniIL LAVORO INDIVIDUALEDott.

3 Andrea AielloII professionista che opera in forma individuale deve fatturare le proprie prestazioni al momento della percezione del compenso (art. 6, comma 3 633/1972).L addebito dell IVA in fattura e l applicazione della ritenuta d imposta a titolo d acconto pu o meno essere presente, in base al regime contabile scelto dal GiovaniLE ASSOCIAZIONI TRA PROFESSIONISTIDott. Andrea AielloII professionista pu optare per l esercizio della professione in forma associazione tra professionisti equiparata alla societ semplice, per cui i redditi percepiti dalla societ (principio di cassa) vengono attribuiti ai soci in proporzione alle quote ed in capo ad essi vengono tassati secondo il regime ordinario (criterio della trasparenza).

4 I compensi percepiti dall associazione sono soggetti alla ritenuta d acconto irpef e le ritenute subite dall associazione vengono attribuite agli associati con possibilit , per quest ultimi, di riassegnare l eventuale eccedenza, rispetto a quanto utilizzato, all associazione Irap resta in capo allo studio GiovaniDott. Andrea AielloLE SOCIETA DI INGEGNERIAE anche possibile costituire societ di ingegneria: per essere considerate tali, devono sussistere contemporaneamente due presupposti [art. 90 lett. b) 12/04/2006 n. 163]:Presupposto soggettivo: costituzione in forma di societ di capitali di cui ai capi V (societ per azioni), VI (societ in accomandita per azioni) e VII (societ a responsabilit limitata) del titolo V del libro quinto del codice civile ovvero nella forma di societ cooperative di cui al capo I del titolo VI del libro quinto del codice oggettivo: avere nell'oggetto sociale attivit professionali quali studi di fattibilit , ricerche, consulenze, progettazioni o direzioni dei lavori, valutazione di congruit tecnico economica o studi di impatto GiovaniDott.

5 Andrea AielloLE SOCIETA DI INGEGNERIANel caso delle societ di ingegneria, sulla base delle disposizioni contenute nell'articolo 81 del Tuir, il reddito prodotto rientra nella categoria del reddito d'impresa. (Risoluzione , n. 56/E, l Agenzia)Come tale tassato secondo il principio della competenza ed assoggettato ad IRES, con un imposta proporzionale del 27,5%. Non inoltre prevista l applicazione della ritenuta d acconto sulle fatture emesse dalla societ .Commissione GiovaniDott. Andrea AielloLA SOCIETA TRA PROFESSIONISTICon l emanazione del Decreto n. 34 dell 8 febbraio 2013 (Regolamento in materia di societ per l'esercizio di attivit professionali regolamentate nel sistema ordinistico, ai sensi dell'articolo 10, comma 10, della legge 12 novembre 2011, n.)

6 183) oggi possibile costituire:a) societ tra professionisti o societ professionale : societ avente ad oggetto l'esercizio di una o pi attivit professionali per le quali sia prevista l'iscrizione in appositi albi o elenchi regolamentati nel sistema ordinistico;b) societ multidisciplinare : la societ tra professionisti costituita per l'esercizio di pi attivit professionali. Ddl Semplificazioni 19/06/2013- regime fiscale: per cassa tassazione come le associazioni professionali- previdenza: soci professionisti (Cassa) soci non professionisti (Inps gestione IVS o separata)Commissione GiovaniI regimi fiscali relativi all attivit di lavoro autonomo sono complessivamente tre:- Regime Ordinario- Regime dei Minimi- Regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile ed i lavoratori in mobilit Dott.

7 Andrea AielloI REGIMI FISCALI DEL LAVORO AUTONOMOC ommissione GiovaniDott. Andrea AielloNel trattare gli obblighi contabili dei lavoratori autonomi occorre fare riferimento alla normativa fiscale contenuta all art. 19 600/1973 il quale stabilisce: per le persone fisiche che esercitano arti e professioni e per le societ o associazioni tra professionisti l obbligo di annotare le somme percepite in un apposito registro denominato registro incassi e pagamenti .Il nome del suddetto registro prende spunto dalla esigenza di determinare il reddito del professionista in base al Principio di cassa .IL REGIME ORDINARIOC ommissione GiovaniDott. Andrea AielloDETERMINAZIONE DEL REDDITO DA LAVORO AUTONOMO: IL PRINCIPIO DI CASSA Il reddito da lavoro autonomo determinato dalla differenza tra: Compensi in denaro o in natura percepitinel periodo di imposta; Spese inerenti effettivamente sostenutenel periodo d imposta con talune eccezioni e limitazioniI compensi diventano fiscalmente rilevanti al momento della costi sono deducibili nell esercizio in cui viene sostenuta la GiovaniDott.

8 Andrea AielloEsempio:L Ing. Catania presenta per il 2012 la seguente situazione:compensi professionali incassati acquisto personal computer ( ) ammortamento 20% 280 - spese cancelleria 600 - cancelleria ed altre spese deducibili inerenti 800 PRODOTTO ANNO DEL REDDITO DA LAVORO AUTONOMO: IL PRINCIPIO DI CASSA Commissione GiovaniI proventi che concorrono alla formazione del reddito da lavoro autonomo sono indicati all art. 54 del i pi ricorrenti sono:1. Compensi in denaro o in natura (valore normale), anche sotto forma di partecipazione agli utili, esclusi i contributi previdenziali2. Corrispettivi percepiti per la cessione della clientela3. Compensi percepiti nell attivit di amministratore (Circ. 105/2001 )(ove le societ amministrate esercitino un attivit connessa all attivit tipiche della professione abituale)DETERMINAZIONE DEL REDDITO DA LAVORO AUTONOMO: IL PRINCIPIO DI CASSA Dott.

9 Andrea AielloCommissione GiovaniDott. Andrea AielloDETERMINAZIONE DEL REDDITO DA LAVORO AUTONOMO: IL PRINCIPIO DI CASSA La rilevanza delle componenti negative del reddito deve essere vagliata in funzione della rispondenza alle seguenti condizioni:- Rispetto del principio di cassa- Inerenza con l attivit professionale- Documentazione delle spese e loro registrazioneCommissione GiovaniDott. Andrea AielloLIMITI ALLA DEDUCIBILITA DELLE SPESEArt. 54 co. 3-bis (Telefonia)Acquisto noleggio impiego e manutenzione di impianti di telefonia fissa e mobile deducibilit all 80% delle quote di ammortamento o leasing e manutenzioni .Art. 54 co. 5 Prestazioni alberghiere e somministrazione di alimenti e bevande in pubblici esercizi Deducibilit del 75% dei costi sostenuti entro il limite del 2% dei compensi.

10 Tali spese diventano integralmente deducibili se sostenute dal committente per conto del professionista e riaddebitate da quest ultimo in 54 co. 5 Partecipazione a convegni, congressi, corsi di aggiornamento professionale incluse le spese di viaggio e soggiorno deducibilit al 50%.Commissione GiovaniDott. Andrea AielloLIMITI ALLA DEDUCIBILITA DELLE SPESEArt. 54 co. 3 Spese relativo all acquisto dei beni mobili adibiti promiscuamente all esercizio della professione ed all uso personale: deducibili al 50%.Art. 54 co. 5Le spese di rappresentanza sono deducibili nel limite dell 1% dei 54 co. 6-bis Indeducibili i compensi corrisposti al coniuge, ai figli, ascendenti del professionista per il lavoro GiovaniDott. Andrea AielloLIMITI ALLE SPESE DEI MEZZI DI TRASPORTOLe spese e gli altri componenti negativi relativi ai mezzi di trasporto a motore sono deducibili dal reddito del professionista: (art.)