Example: dental hygienist

Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - asl.vt.it

Azienda Unit Sanitaria Locale Viterbo PROCEDURA DI DECONTAMINAZIONE, DETERSIONE, CONFEZIONAMENTO E STERILIZZAZIONE DEI FERRI CHIRURGICI. NEL POLIAMBULATORIO DEL DISTRETTO VT/3 DELLA AUSL VT. REVI - DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO. SIONE. GRAP Direttore Sanitario *Gruppo di Alessandro Selbmann Aziendale Lavoro _____. Marina Cerimele Raffaela Napoli _____. _____. Roberto Riccardi _____. Nicoletta Salvatori _____. Franco Bifulco _____. Dirigenti di e di Dipartimenti interessati, Specialisti Antonella Proietti _____.

Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo 1 PROCEDURA DI DECONTAMINAZIONE, DETERSIONE, CONFEZIONAMENTO E STERILIZZAZIONE DEI FERRI CHIRURGICI

Tags:

  Sanitaria, Azienda, Locale, Sanitaria locale viterbo, Viterbo

Information

Domain:

Source:

Link to this page:

Please notify us if you found a problem with this document:

Other abuse

Transcription of Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - asl.vt.it

1 Azienda Unit Sanitaria Locale Viterbo PROCEDURA DI DECONTAMINAZIONE, DETERSIONE, CONFEZIONAMENTO E STERILIZZAZIONE DEI FERRI CHIRURGICI. NEL POLIAMBULATORIO DEL DISTRETTO VT/3 DELLA AUSL VT. REVI - DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO. SIONE. GRAP Direttore Sanitario *Gruppo di Alessandro Selbmann Aziendale Lavoro _____. Marina Cerimele Raffaela Napoli _____. _____. Roberto Riccardi _____. Nicoletta Salvatori _____. Franco Bifulco _____. Dirigenti di e di Dipartimenti interessati, Specialisti Antonella Proietti _____.

2 Dott. Giuseppe Cimarello _____. Dott. Alberico Paoletti _____. (consultazione). Lamberto Mecorio _____. 1. Azienda Unit Sanitaria Locale Viterbo INDICE. Gruppo di lavoro pag. 3. Premessa pag. 4. Scopo / Obiettivo pag. 4. Ambito / campo di applicazione pag. 5. Matrice della responsabilit pag. 5. Decontaminazione pag. 6. Detersione pag. 7. Risciacquo e asciugatura pag. 8. Controllo, manutenzione e selezione dei dispositivi pag. 8. Confezionamento pag. 8. Sistema di tracciabilit pag. 9. Conservazione, stoccaggio e trasporto pag.

3 9. Decontaminazione pag. 10. Detersione pag. 11. Confezionamento pag. 13. Sterilizzazione in autoclave pag. 14. Glossario pag. 17. Bibliografia/sitografia pag. 18. All. 1 bolla di accompagnamento pag. 20. 2. Azienda Unit Sanitaria Locale Viterbo GRUPPO DI LAVORO. Cognome e nome Qualifica Ambrosini Franca Poliambulatorio Viterbo Infermiera Bravi Giuseppina Poliambulatorio Viterbo Infermiera Cirillo Elena Poliambulatorio Viterbo Infermiera Grazini Massimo Poliambulatorio Viterbo Infermiere Meola Caterina Poliambulatorio Viterbo Infermiera Pellegrini Franca Poliambulatorio Viterbo Infermiera Sbandi Patrizia Poliambulatorio Viterbo Infermiera Testa Alba Maria Poliambulatorio Viterbo Infermiera Villani Maria Antonietta Poliambulatorio Viterbo Operatore Socio Sanitario

4 Sciosci Loredana Poliambulatorio Viterbo Infermiera coordinatrice Billi Giorgio Direzione Sanitaria Responsabile Centrale di Sterilizzazione Oliva Valerio Coordinatore Area Risk Management Aniceti Silvia Responsabile Area Innovazione e Sviluppo Corsi Giuseppe Responsabile Processi Assistenziali Area Territoriale 3. Azienda Unit Sanitaria Locale Viterbo PREMESSA. I processi di decontaminazione, detersione e sterilizzazione dei dispositivi medici utilizzati per la diagnosi, cura e assistenza alla persona , costituiscono una importante fase nella prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali.

5 A tal fine indispensabile che tutte le figure professionali coinvolte nel processo siano consapevoli dei rischi insiti nel processo stesso e rispettino con atteggiamenti corretti per ottenere il pi elevato livello qualitativo finora consentito. La presente procedura rappresenta il risultato di un processo di ricerca in base alle ultime evidenze scientifiche nonch uno strumento utile a garantire la tutela della salute dell'operatore e dell'utente da usare nel contesto di uno sforzo organizzato allo scopo di innalzare la qualit dell'assistenza.

6 E' bene ricordare che tutti i dispositivi monouso non possono essere risterilizzati, in quanto l' Azienda ospedaliera non pu in nessun caso sostituirsi all'ente produttore del dispositivo medico che ne garantisce: conformit , analisi del rischi ( EN 1141), funzionalit , integrit , sterilit , sistema di controllo. In definitiva nel caso della risterilizzazione del monouso, l' Azienda ospedaliera diventa fabbricante e, quindi, deve assumersi l'onere dei requisiti essenziali e di una nuova marcatura CE e un certificato di conformit secondo le norme n 93/42/EWG e ISO 9000.

7 SCOPO / OBIETTIVO. Garantire livelli di sicurezza microbiologici sia per gli operatori che manipolano i dispositivi prima della sterilizzazione sia per gli utenti utilizzatori dei dispositivi sterili;. Uniformare le modalit di preparazione dei dispositivi da sottoporre a sterilizzazione in modo da creare le condizioni ottimali affinch l'agente sterilizzante possa svolgere efficacemente la propria azione;. Mantenere il dispositivo con la condizione di sterilit raggiunta fino all'utilizzo. 4. Azienda Unit Sanitaria Locale Viterbo AMBITO / CAMPO DI APPLICAZIONE.

8 Poliambulatorio del Distretto VT/3 AUSL Viterbo . MATRICE DELLE RESPONSABILIT . R: responsabile azione C: collaboratore Fase progettuale Fase operativa Proposta Attori Elabora- Verifica Approva- Informa- Applica- Controllo Segnala- Revisione zione zione zione zione operativo zione Procedura criticit . Gruppo di R. Lavoro R. Dirigente o R R R R. Dipartim. Coord. C R R. Operatori R R. GRAP. R. Direttore Sanitario Aziendale R. 5. Azienda Unit Sanitaria Locale Viterbo La preparazione dei dispositivi medici per la loro sterilizzazione comprende la pulizia, articolata in pi.

9 Fasi: decontaminazione, detersione e risciacquo, seguita dalla asciugatura e dal confezionamento. DECONTAMINAZIONE. La procedura di decontaminazione deve essere effettuata in un ambiente o spazio dedicato, diverso da quello destinato alla detersione. E' un'operazione che precede la detersione vera e propria del dispositivo ed ha lo scopo di allontanare la maggior parte del materiale organico presente sulla sua superficie. La decontaminazione viene effettuata immergendo i dispositivi in una soluzione contenente agenti chimici (Fenosan o altro disinfettante fornito dalla farmacia) in modo che il materiale organico, e il suo eventuale carico microbico venga ridotto prima delle successive manipolazioni dei ferri.

10 Affinch la procedura di decontaminazione risulti efficace necessario che gli strumenti pi complessi vengano smontati o aperti, per quanto possibile, prima di essere immersi, assicurandosi che le strutture cave siano pervie. Dopo la decontaminazione i dispositivi medici devono essere risciacquati. Durante la decontaminazione necessario, pertanto, adottare misure di contenimento del rischio, gi . ribadite nel del Settembre 1990 Norme di protezione del contagio professionale da HIV nella struttura Sanitaria ed assistenziale pubblica e privata e dal del 09/04/2008 n 81 attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007 n 123 in materia della tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.


Related search queries