Example: confidence

Guida all’uso corretto dei prodotti fitosanitari

Guida all uso correttodei prodotti fitosanitariCoordinamento editoriale: Andrea MarelliCoordinamento tecnico: Alba CotroneoTesti - gruppo di lavoro: Regione Piemonte Direzione Agricoltura: Alba Cotroneo. Sergio De Caro, Caterina Ronco, Federico SpannaDirezione Ambiente: Enrico Accotto, Elena Anselmetti, Silvia GriselloDirezione Sanit : Caterina StrumiaASL Asti - SPreSAL: Elena Falsetti ASL Biella - SPreSAL: Savina Fariello ASL Novara - : Vittoria Secchi ASL TO 3 - Dipartimento di Prevenzione SC Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione: Rita Valfr Universit di Torino Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DiSAFA): Aldo Ferrero, Paolo Balsari, Gianluca Oggero Fotografie:Archivio Settore Fitosanitario Regione Piemonte tranne ove espressamente citato In copertina: foto di Viola Massobrio In retro copertina: Larva di nottua gialla (Heliotis armigera) su pomodoro, foto di Anna SagliaTesti consultati.

Guida all’uso corretto dei prodotti fitosanitari FEASR Fondo europeo agricolo di Sviluppo rurale L’Europa investe nelle zone rurali Guida finanziata dal Programma di …

Tags:

  Corretto, Uso corretto

Information

Domain:

Source:

Link to this page:

Please notify us if you found a problem with this document:

Other abuse

Transcription of Guida all’uso corretto dei prodotti fitosanitari

1 Guida all uso correttodei prodotti fitosanitariCoordinamento editoriale: Andrea MarelliCoordinamento tecnico: Alba CotroneoTesti - gruppo di lavoro: Regione Piemonte Direzione Agricoltura: Alba Cotroneo. Sergio De Caro, Caterina Ronco, Federico SpannaDirezione Ambiente: Enrico Accotto, Elena Anselmetti, Silvia GriselloDirezione Sanit : Caterina StrumiaASL Asti - SPreSAL: Elena Falsetti ASL Biella - SPreSAL: Savina Fariello ASL Novara - : Vittoria Secchi ASL TO 3 - Dipartimento di Prevenzione SC Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione: Rita Valfr Universit di Torino Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DiSAFA): Aldo Ferrero, Paolo Balsari, Gianluca Oggero Fotografie:Archivio Settore Fitosanitario Regione Piemonte tranne ove espressamente citato In copertina: foto di Viola Massobrio In retro copertina: Larva di nottua gialla (Heliotis armigera) su pomodoro, foto di Anna SagliaTesti consultati.

2 Linee Guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (Syngenta Crop Protection et. Al) La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole (FederchimicA - Agrofarma) vietata la riproduzione dei testi e dei materiali iconografici senza autorizzazione e citazione della : 10000 copie - Marzo 2015 Pubblicazione in distribuzione gratuitaImpaginazione: Visual Data - Torino Stampa: Arti Grafiche San Rocco - Grugliasco (To)Prodotto con carta certificataSupplemento al n. 87 dei Quaderni della Regione Piemonte - AgricolturaRegistrazione al Tribunale di Torino n. 4184 del 5 maggio 1990 Direttore responsabile: Luciano ConternoRedazione presso Regione Piemonte, Cso Stati Uniti 21 - 10128 TorinoTel. 011/4324722 - fax 011/537726e-mail: all uso correttodei prodotti fitosanitariFEASRF ondo europeo agricolo di Sviluppo ruraleL Europa investe nelle zone ruraliGuida finanziata dal Programma di Sviluppo rurale 2007-2013 Misura Sottoazione B) Informazione in campo agricolo.

3 Interventi a titolarit regionaleDa oltre vent anni la Regione Piemonte mette a disposizione di quanti debbano sostenere l esame per il conseguimento del patentino per l uso e la conservazione di prodotti fitosanitari questa Guida rivolta agli operatori agricoli e ai tecnici del dai tecnici della Direzione Agricoltura, in collaborazione con Asl e Universit di Torino, questa Guida esce ora ampiamente rinnovata nella grafica e nei contenuti e aggiornata rispetto alle nuove disposizioni di legge introdotte dal Piano d azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (PAN). inoltre corredata da una sezione di allegati che contie-ne anche le possibili domande a cui, nel corso dell esame, occorrer tratta quindi di uno strumento pratico di conoscenza, di supporto e integrazione ai corsi di formazione che vengono svolti su questo tema e, mi auguro, in grado di arricchire la professionalit e il patrimonio culturale dei nostri agricoltori e consolidarne la sensibilit verso le tematiche ambientali, della qualit delle produzioni e della sicurezza in termini sanitari e infortunistici, consapevoli dell importanza e della responsabilit che il loro ruolo all Agricoltura,Caccia e PescaRegione PiemonteGuida all uso corretto dei prodotti fitosanitariSommario INTRODUZIONE p.

4 7 q CAPITOLO I AVVERSIT DELLE PIANTE p. 9 q CAPITOLO 2 METODI DI LOTTA p. 15 Lotta alle avversit p. 15 Difesa integrata p. 16 La difesa integrata obbligatoria p. 17 La difesa integrata volontaria p. 17 Difesa biologica p. 18q CAPITOLO 3 I prodotti fitosanitari p. 19 Cosa sono p. 19 Modalit di azione p. 20 Caratteristiche p. 21 Resistenza p. 22 Classificazione tossicologica p. 23 Residui di prodotti fitosanitari p. 24 Pericoli associati - tossicologia p. 28 Autorizzazione p. 30 prodotti fitosanitari illegali p. 31 Etichetta di un prodotto fitosanitario p. 31 q CAPITOLO 4 VENDITA, ACQUISTO, USO E CONSERVAZIONE DEI prodotti fitosanitari p. 34 Certificato di abilitazione alla vendita p. 34 Certificato abilitazione per utilizzatori professionali p.

5 36 Guida all uso corretto dei prodotti fitosanitari Certificato di abilitazione all attivit di consulente p. 37 Acquisto, trasporto uso e conservazione p. 39 Mezzi di protezione dell operatore p. 44 Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari p. 50q CAPITOLO 5 ATTREZZATURE PER LA DISTRIBUZIONE DEI prodotti fitosanitari p. 52 Attrezzature per il trattamento p. 52 Tipi di macchine per i trattamenti fitosanitari da terra p. 52 Trattamenti con mezzi aerei p. 54 Manutenzione delle attrezzature p. 54q CAPITOLO 6 UTILIZZO COMPATIBILE CON L AMBIENTE p. 56 q ALLEGATI p. 59 Allegato 1 Materie di formazione per gli utilizzatori professionali, i distributori e i consulenti p. 60 Allegato 2 Tipi di formulazione dei prodotti fitosanitari (da Banca dati dei prodotti fitosanitari ) p.

6 61 Allegato 3 Regolamento (CE) n. 1272/2008 Indicazioni di pericolo Frasi H, (GHS/CLP) p. 62 Allegato 4 Regolamento (CE) n. 1272/2008 Consigli di prudenza p. 63 Allegato 5 Scheda di sicurezza in accordo con il regolamento (UE) No. 1907/2006 p. 65 Allegato 6 Registro dei trattamenti p. 66 Allegato 7 Scheda trattamento contoterzisti p. 67q RIFERIMENTI LEGISLATIVI p. 68q GLOSSARIO p. 70q DOMANDE D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DEL CERTIFICATO DI ABILITAZIONE PER L USO SOSTENIBILE DEI prodotti fitosanitari p. 73 Guida all uso corretto dei prodotti fitosanitari 7 Introduzione Paesaggio piemonteseLa produzione agricola sempre stata alla base dello svi-luppo e della crescita della societ popolazione mondiale sta aumentando. Le proiezioni statistiche ci dicono che nel 2050 la Terra sar abitata da pi di 9 miliardi di individui, pi che raddoppiando la popolazione presente verso la met del secolo scorso.

7 L approvvigionamento di cibo quindi uno degli obiettivi chiave che la FAO intende perseguire nei prossimi anni, insieme al raggiungimento di un miglior bilanciamento economico, che al momento vede una forte sperequazione tra il nord ed il sud del suffi ciente crescita delle derrate si scontra, tuttavia, con lo squilibrio che talune tecniche produttive hanno sul sistema ambientale e sulla salute forte impatto che l utilizzo di diverse sostanze, impiega-te in passato in modo massiccio e indiscriminato, ha avuto sul delicato equilibrio ambientale, ha portato profondi mutamenti nell ecosistema. Alcuni di questi stanno mostrando gi ora i loro eff etti negativi: il cambiamento climatico sotto gli occhi di tutti e ci costringe a modifi care i nostri comportamenti e a valutare in modo pi adeguato le ricadute degli interventi fi nora messi in , inoltre, che il comparto agricolo uno di quelli considerati a maggior rischio per la sicurezza degli operatori e che gli incidenti, anche mortali, raggiungono livelli tra i pi elevati in obiettivo , pertanto, quello di bilanciare in modo soste-nibile la necessit di sfamare la popolazione mondiale e l esi-genza di limitare i possibili eff etti sfavorevoli sull ambiente, salvaguardando la sicurezza degli operatori e la salute produzione agricola sostenibile deve inoltre basarsi il pi possibile sul ricorso alle fonti di energia rinnovabili.

8 Cercan-do anche di adeguare l intensit degli interventi agli obiettivi produzione sostenibile delle colture agrarie partico-larmente signifi cativo il ruolo della difesa delle colture agrarie dagli organismi questo quadro merita sottolineare l importante evolu-zione registrata, gi a partire da alcuni decenni,sia a livello di soluzioni tecniche sia di indizzi ultimo capitolo di questa evoluzione, dal punto di vista normativo, Piano d azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fi tosanitari (PAN), uno strumento normativo appro-vato con DM 22 gennaio 2014, in applicazione della Direttiva 2009/128/CE e del 150 pubblicazione del PAN stata preceduta da numerose polemiche e ha creato non pochi timori tra gli addetti ai lavori.

9 Guida all uso corretto dei prodotti fitosanitariq Legislazione q Strategie e tecniche di difesa integrata, con particolare riguardo alle principali avversit presenti nell area trattataq Pericoli e rischi associati ai prodotti fitosanitari (PF)q Uso, stoccaggio e smaltimento dei PFq corretto uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI)q Attrezzature per l applicazione dei prodotti fitosanitariq Rischi ambientali q Registrazione delle informazioni sull utilizzo dei PFMaterie di forMazione (v. all. 1)q Protezione degli utilizzatori e della popolazione interessata q Tutela dei consumatoriq Salvaguardia dell ambiente acquatico e delle acque potabiliq Conservazione della biodiversit e degli ecosistemiq Promozione dello sviluppo della difesa integrata e di metodi di produzione o tecniche di difesa alternativi per ridurre la dipendenza da prodotti fitosanitariPiano di azione nazionale (Pan)8 Effettivamente, il PAN prevede adempimenti specifici a carico delle aziende agricole, volti a fornire la sicurezza degli operatori, la qualit dell ambiente, la salubrit dei prodotti e la riduzione dei costi produttivi.

10 Ormai ampiamente dimostrato che tali obiettivi possono essere raggiunti effettuando gli interventi di difesa nell epoca e con le tecniche pi idonee, oltrech con attrezzature adeguatamente tarate. pi che confermato che intervenire nel momento giusto, con le tecniche pi idonee e con attrezzature adeguatamente tarate significa, infatti, ottenere anche un importante risparmio economico, accompagnato da una maggior sicurezza per chi effettua il trattamento nonch per l ambiente, per i consumatori e per la popolazione in le diverse azioni individuate, il Piano si prefigge di guidare, garantire e monitorare un processo di cambiamento virtuoso delle pratiche di utilizzo dei prodotti fitosanitari verso forme caratterizza-te da maggior compatibilit e sostenibilit ambientale e PAN, che norma, tra l altro.


Related search queries