Example: barber

Sicurezza nell’uso dei solventi - SuvaPro - …

Sicurezza nell'uso dei solventi Informazioni tecniche per gli specialisti della Sicurezza sul lavoro e altri esperti I prodotti contenenti solventi sono tuttora ampiamente diffusi. Devono essere usati, conservati e smaltiti correttamente, altrimenti comportano rischi per l'uomo e l'ambiente. I possibili pericoli sono le esplosioni, gli incendi e i danni alla salute (per es. irritazioni, ustioni o intossicazioni). La presente pubblicazione contiene informazioni sui pericoli e sulle misure di protezione da adottare. 2. Sommario 1 Di che cosa si tratta? 5. Che cosa sono i solventi ? 5. Etichettatura e schede di Sicurezza 6. Impieghi 9. 2 Propriet fisico-chimiche 10. 3 Pericolo di incendio ed esplosione 11. Limiti di infiammabilit o esplosione 12. Punto di infiammabilit 12.

3 Sommario 1 Di che cosa si tratta? 5 1.1 Che cosa sono i solventi? 5 1.2 Etichettatura e schede di sicurezza 6 1.3 Impieghi 9 2 Proprietà fisico-chimiche 10

Tags:

  Sicurezza, Di sicurezza

Information

Domain:

Source:

Link to this page:

Please notify us if you found a problem with this document:

Other abuse

Transcription of Sicurezza nell’uso dei solventi - SuvaPro - …

1 Sicurezza nell'uso dei solventi Informazioni tecniche per gli specialisti della Sicurezza sul lavoro e altri esperti I prodotti contenenti solventi sono tuttora ampiamente diffusi. Devono essere usati, conservati e smaltiti correttamente, altrimenti comportano rischi per l'uomo e l'ambiente. I possibili pericoli sono le esplosioni, gli incendi e i danni alla salute (per es. irritazioni, ustioni o intossicazioni). La presente pubblicazione contiene informazioni sui pericoli e sulle misure di protezione da adottare. 2. Sommario 1 Di che cosa si tratta? 5. Che cosa sono i solventi ? 5. Etichettatura e schede di Sicurezza 6. Impieghi 9. 2 Propriet fisico-chimiche 10. 3 Pericolo di incendio ed esplosione 11. Limiti di infiammabilit o esplosione 12. Punto di infiammabilit 12.

2 Temperatura di accensione 14. Conducibilit elettrica 14. 4 Tossicit 15. Esposizione ai solventi 15. Concentrazione massima ammissibile sul posto di lavoro (valore MAC) 16. Valori limite biologici (valori BAT) 17. 5 Misure di protezione 18. Sostituzione delle sostanze o procedure pericolose 18. Misure tecniche 20. Lavori con impianti a ciclo chiuso 20. Ventilazione in caso di utilizzo di solventi 21. Ventilazione nei depositi 22. Suddivisione delle zone a rischio di esplosione 23. Evitare le fonti di innesco 24. Limitazione dei danni in caso di incendio o esplosione 25. Misure organizzative 26. Verificare l'efficacia delle misure (metodi di misurazione) 26. Documento sulla protezione contro le esplosioni 27. Formazione e istruzione del personale 27. Manipolazione dei rifiuti di solventi 27.

3 Dispositivi di protezione individuale 28. Protezione delle vie respiratorie 28. Protezione della pelle e degli occhi 29. 6 Materiale di approfondimento 30. Supporti informativi della Suva e di altre istituzioni 30. Ulteriori pubblicazioni 30. Banche dati internazionali 31. 3. 1 Di che cosa si tratta? I prodotti che contengono solventi sono ampiamente Che cosa sono i solventi ? diffusi sia nei settori dell'artigianato e dell'industria sia nelle case private. I solventi , impiegati allo stato puro I solventi sono liquidi che sono in grado di sciogliere o in miscele, possono comportare rischi pi o meno altre sostanze (allo stato solido, liquido o gassoso). importanti per la salute e la Sicurezza delle persone e o estrarle da altre sostanze, senza tuttavia subire dell'ambiente.

4 Il rischio connesso all'uso di prodotti alterazioni chimiche. Tali miscele omogenee di sostan- contenenti solventi elevato, se non sono conservati, ze contenute in un solvente sono chiamate soluzioni . usati e smaltiti secondo le prescrizioni. L'acqua senza dubbio il solvente pi comune, pi . La presente pubblicazione si rivolge in primo luogo agli economico e pi adatto dal punto di vista della sicu- specialisti della Sicurezza e della tutela della salute sul rezza e della salute degli utilizzatori. La sua struttura lavoro, ai quadri e agli addetti alla Sicurezza . Fornisce molecolare ne limita tuttavia l'impiego. una panoramica generale su questo argomento. Ulte- riori informazioni su alcuni aspetti specifici sono dispo- nibili, per esempio, nel sistema di ricerca e ordinazione online della Suva ( / waswo-i).

5 1 Molti prodotti per l'artigianato, l'industria e la casa contengono solventi nocivi e infiammabili. 5. Attualmente i solventi organici utilizzati pi Etichettatura e schede comunemente sono: di Sicurezza solventi contenenti ossigeno alcoli (es. isopropanolo, etanolo) Le sostanze e i preparati (miscele di sostanze) devono esteri (es. acetato di etile, acetato di butile) essere imballati ed etichettati in base alla loro pericolo- chetoni (es. acetone, metiletilchetone [MEK]) sit conformemente all'ordinanza sui prodotti chimici glicoli (es. glicole etilenico) (OPChim). I simboli di pericolo indicano i rischi princi- eteri (es. etere etilico, metilterbutiletere [MTBE]) pali e il potenziale di pericolo, mentre le frasi di rischio forni-scono informazioni sui pericoli.

6 solventi contenenti idrocarburi solventi non aromatici derivati dal petrolio e solventi Esempio di un simbolo di pericolo secondo a basso contenuto di composti aromatici (es. acqua- il sistema di etichettatura finora utilizzato ragia dearomatizzata, distillati di petrolio trattati con Ulteriori informazioni sulla sostanza in questione sono idrogeno, nafta pesante o leggera, benzine speciali) riportate in breve e in modo chiaro sull'etichetta di idrocarburi aromatici (es. toluolo, xilolo) marcatura. solventi alogenati (impieghi molto limitati Sostanze che a contatto con l'aria e regolamentati) formano una miscela esplosiva e idrocarburi clorurati (es. percloroetilene, sono altamente infiammabili in pre- diclorometano) senza di una fonte di innesco (pun- idrofluoroalcani (HFA) to di infiammabilit < 0 C, punto di idrofluoreteri (HFE) ebollizione 35 C).

7 F+ Estremamente infiammabile I solventi sono spesso immessi sul mercato sotto for- ma di miscele, per esempio i prodotti denominati Le frasi di rischio (frasi R) informano sulla pericolosit . diluenti o nafta . La loro composizione definita della sostanza. Nei consigli di prudenza (frasi S) . spesso soltanto in modo approssimativo e, di conse- indicato che cosa bisogna rispettare per manipolare guenza, le loro propriet fisico-chimiche e tossico la sostanza in condizioni di Sicurezza . logiche possono variare da una fornitura all'altra. Tali miscele sono formate molto spesso da solventi Nuova etichettatura secondo il sistema GHS. riciclati. Il GHS (Globally Harmonized System) un sistema ela- borato dalle Nazioni Unite (ONU) per la classificazione Spesso i solventi sono noti non in base alla loro deno- e l'etichettatura dei prodotti chimici intende fornire un minazione chimica, ma sotto un marchio commerciale metodo standardizzato di valutazione dei pericoli e di o un termine di uso comune, per esempio: Thinner , etichettatura delle sostanze chimiche.

8 Questo sistema acquaragia , spirito da ardere o alcool , solvente GHS costituisce la base per la nuova ordinanza CLP. A3 , Green Earth o D5 . europea in materia di classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e dei preparati chimici, en- Tutti i solventi di uso comune sono composti organici trata in vigore all'inizio del 2009. volatili (COV)1, il cui impiego regolamentato da diver- se prescrizioni svizzere e / o europee. 1. Secondo l'accezione della legislazione svizzera, l'acronimo COV indica composti orga- nici con una pressione del vapore pari come minimo a 0,1 mbar a 20 C o con un punto di ebollizione pari al massimo a 240 C a 1013,25 mbar. 6. Acetone R11 Facilmente infiammabile. R36 Irritante per gli occhi. Frasi di rischio R66 L'esposizione ripetuta pu provocare secchezza e screpolatura della pelle.

9 (frasi R). R67 L'inalazione dei vapori pu . provocare sonnolenza e vertigini. F Facilmente infiam m abile S9 C onservare il recipiente in luogo Consigli di prudenza ben ventilato. S16 . C onservare lontano da fiamme . e scintille Non fumare. S26 . In caso di contatto con gli occhi, lavare immediatamente ed a bbondantemente con acqua e (frasi S). consultare un medico. S46 In caso di ingestione consultare Xi Irritante immediatamente il medico e mostrargli il contenitore e l'etichetta. Nome, indirizzo e numero di telefono della ditta responsabile. 2 Etichetta di marcatura di una sostanza pericolosa L'attuazione di questa ordinanza avviene in maniera graduale. La fase di transizione dura fino al 1 dicem- bre 2012 per le sostanze allo stato puro e fino al 1 giugno 2015 per le miscele.

10 La struttura delle informazioni riportate sulle etichette di marcatura rimane invariata rispetto al sistema finora utilizzato: U no o pi pittogrammi indicano i pericoli (9 diversi pittogrammi). Le avvertenze pericolo o attenzione rafforzano il significato del pittogramma. U na o pi frasi di rischio (frasi H) forniscono informazioni sui pericoli. I consigli di prudenza (frasi P) contengono informa- zioni su come conservare, usare e smaltire il prodotto in modo sicuro, nonch istruzioni su cosa fare in caso di infortunio. 7. Due esempi di pittogrammi e indicazioni di pericolo secondo il sistema GHS. Pericolo di incendio Pericolo per la salute In presenza di una fonte di innesco si pu Pu provocare danni alla salute cronici e sviluppare facilmente un incendio. I vapori di gravi, ad es.