Example: stock market

Ministero della Salute

Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE della PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI. assistenza E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA. COMMISSIONE NAZIONALE PER LA DEFINIZIONE E L'AGGIORNAMENTO. DEI LIVELLI ESSENZIALI DI assistenza . Prestazioni Residenziali e Semiresidenziali La Commissione per la definizione e l'aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza ha esaminato la problematica delle prestazioni Residenziali e Semiresidenziali nell'obiettivo di definire i contenuti tecnico-professionali delle prestazioni, avvalendosi di un apposito Sottogruppo istituito al suo interno1.

cura, recupero funzionale e/o trattamenti di mantenimento, che compongono il panel dell’assistenza residenziale. 1.3.2. Durata del trattamento Le prestazioni residenziali avranno una durata strettamente connessa al perdurare delle condizioni di bisogno e

Tags:

  Assistenza

Information

Domain:

Source:

Link to this page:

Please notify us if you found a problem with this document:

Other abuse

Transcription of Ministero della Salute

1 Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE della PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI. assistenza E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA. COMMISSIONE NAZIONALE PER LA DEFINIZIONE E L'AGGIORNAMENTO. DEI LIVELLI ESSENZIALI DI assistenza . Prestazioni Residenziali e Semiresidenziali La Commissione per la definizione e l'aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza ha esaminato la problematica delle prestazioni Residenziali e Semiresidenziali nell'obiettivo di definire i contenuti tecnico-professionali delle prestazioni, avvalendosi di un apposito Sottogruppo istituito al suo interno1.

2 In rapporto agli obiettivi sono state individuate quattro principali tipologie di utenti non autosufficienti, che qualificano diverse tipologie prestazionali: 1) Anziani non autosufficienti 2) Persone disabili giovani e adulte 3) Persone con patologie psichiatriche 4) Persone con patologie terminali 1. Il sottogruppo composto dal dott. Enrico Brizioli, con funzioni di coordinatore, dal dott. Gianlorenzo Scaccabarozzi, dalla Anna Maria Banchero, dalla Ketty Vaccaro, dal dott. Vincenzo Pomo, dalla Patrizia Vittori. Il sottogruppo si avvalso della collaborazione del dott.

3 Furio Zucco, del dott. Giovanni Zaninetta, della Franca Benini e della Paola Facchin. Hanno partecipato la Silvia Arc , in rappresentanza del Ministero della Salute , e la Maria Donata Bellentani, in rappresentanza dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali. 1. Per tutte le tipologie di prestazioni si rileva come prima criticit la sostanziale assenza di un flusso informativo e la forte eterogeneit regionale dei modelli autorizzativi ed organizzativi, nonch delle modalit di erogazione del servizio. Parallelamente al lavoro del Sottogruppo si concluso il lavoro del Mattone n.

4 12. (Prestazioni Residenziali) del Progetto Mattoni, che aveva come principale mandato la definizione di un flusso informativo coerente su scala nazionale, ma il cui lavoro si . necessariamente esteso alla definizione e classificazione delle prestazioni Infatti la variabilit del modelli regionali rilevati ha imposto al Mattone 12 una ricognizione delle diverse tipologie di prestazioni e la loro riconduzione ad un modello unitario condiviso. La costruzione di un flusso informativo unitario e coerente ha infatti come presupposto la individuazione di modelli organizzativi uniformi, ai quali siano riferibili le singole prestazioni e/o attivit.

5 Di conseguenza nello sviluppo di questo documento stato ampiamente utilizzato il materiale prodotto dal Mattone 12, che tuttavia limitato ad anziani, disabili, Salute mentale. 2. 1) Prestazioni Residenziali e Semiresidenziali per Anziani. Le basi normative nazionali riferite alla prestazioni residenziali sono relativamente modeste. Sinteticamente possono essere richiamati i seguenti atti: L. 11 marzo 1988, n. 67 art. 20 (legge finanziaria 1988). DPCM. 22 dicembre 1989 (atto di indirizzo e coordinamento per la realizzazione di strutture sanitarie residenziali per anziani) successivamente sostituito dal 14.

6 Gennaio 1997 (atto di indirizzo e coordinamento in materia di requisiti strutturali tecnologici ed organizzativi minimi per l'esercizio delle attivit sanitarie.). Progetto Obiettivo Tutela della Salute degli Anziani 1994-1996. DPCM 14 Febbraio 2001 Decreto sulla Integrazione Socio-sanitaria DPCM 29 novembre 2001 Definizione dei Livelli Essenziali di assistenza . Di prestazioni residenziali e semiresidenziali viene inoltre fatto generico richiamo nel n. 502/92 e successive modifiche, senza che i contenuti prestazionali del livello di assistenza vengano comunque definiti.

7 Sulla base di questi indirizzi generali le strutture residenziali sanitarie hanno avuto in Italia un rapido sviluppo nel corso degli ultimi 15 anni sulla spinta della domanda, con un incremento progressivo dei posti letto fino ad una stima attuale di circa , pari a circa il 2,5% della popolazione anziana. Una stima precisa, tuttavia, fortemente condizionata dalle diverse modalit di classificazione di queste strutture che le singole Regioni hanno adottato. Si d atto infatti che la denominazione corrente di RSA (Residenza Sanitaria Assistenziale). ha assunto nelle singole Regioni significati diversi, con confini spesso mal definiti rispetto a Case Di Riposo, Case Protette, Residenze Protette, Istituti di Riabilitazione Geriatrica, Lungodegenze Riabilitative etc.

8 Se l'esatta classificazione delle strutture molto incerta, i dati sulle prestazioni erogate sono praticamente inesistenti, in assenza di un flusso informativo nazionale che consenta di rilevare l'episodio di ricovero. Men che meno esiste un flusso in grado costruire indici di case-mix assistenziale dei soggetti assistiti e di valutare l'appropriatezza del trattamento. Il tema della costruzione di un flusso informativo coerente sulle prestazioni residenziali . stato affrontato, nell'ambito del Progetto Mattoni , dal Mattone n. 12 a cui si rinvia per gli approfondimenti del caso.

9 Appare comunque evidente che qualsiasi proposta di classificazione delle prestazioni residenziali, per quanto schematica al fine di garantire flussi informativi coerenti a livello nazionale, dovr consentire l'inquadramento delle diverse tipologie di prestazioni e strutture normate a livello regionale. Definizione di prestazione residenziale. Si intende per prestazione residenziale e semiresidenizale il complesso integrato di interventi, procedure e attivit sanitarie e socio-sanitarie erogate a soggetti non autosufficienti, non assistibili a domicilio all'interno di idonei nuclei accreditati per la specifica funzione.

10 3. La prestazione non si configura come un singolo atto assistenziale, ma come il complesso di prestazioni di carattere sanitario, tutelare, assistenziale e alberghiero erogate nell'arco delle 24 ore. - I Nuclei L'unit organizzativa per l'erogazione delle prestazioni residenziali il nucleo inteso come area distributiva delle degenze autonoma per dotazioni e servizi, articolato di norma su 20. Il modello di erogazione di prestazioni omogenee per nuclei organizzativi deriva dal 14 gennaio 1997 che aveva come presupposto originario il 22 dicembre 1989 L' organizzazione per nuclei consente di accogliere nella stessa struttura residenziale persone non autosufficienti a vario titolo ed autosufficienti, senza determinare sovrapposizioni, data la relativa autonomia dei servizi di ciascun nucleo.


Related search queries