Example: marketing

DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E …

DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LAE PROMOZIONE DEG L I SCAMBI POLITICHE E strumenti PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE D ELLE I MP RES E Viale Boston, 25 00144 Romatel. +39 06 5993 2380/2617 fax +39 06 5993 2360e-mail E strumenti PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESEPRESENTAZIONELo scenario economico che si va delineando con l uscita dalla crisi mostra segnali di ri-presa disomogenei a livello mondiale, evidenziando notevoli differenze tra paesi emer-genti ed avanzati, i pi colpiti per le caratteristiche di maturit e integrazione dei lorosistemi contesto competitivo attuale, ancor pi che in passato, il tradizionale modello diprodurre per esportare non pi sufficiente a reggere la sfida del mercato globale.

politiche e strumenti per l’internazionalizzazione delle imprese 5 introduzione ruolo del commercio estero nel nostro sistema economico nazionale

Tags:

  Strumenti

Information

Domain:

Source:

Link to this page:

Please notify us if you found a problem with this document:

Other abuse

Transcription of DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E …

1 DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LAE PROMOZIONE DEG L I SCAMBI POLITICHE E strumenti PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE D ELLE I MP RES E Viale Boston, 25 00144 Romatel. +39 06 5993 2380/2617 fax +39 06 5993 2360e-mail E strumenti PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESEPRESENTAZIONELo scenario economico che si va delineando con l uscita dalla crisi mostra segnali di ri-presa disomogenei a livello mondiale, evidenziando notevoli differenze tra paesi emer-genti ed avanzati, i pi colpiti per le caratteristiche di maturit e integrazione dei lorosistemi contesto competitivo attuale, ancor pi che in passato, il tradizionale modello diprodurre per esportare non pi sufficiente a reggere la sfida del mercato globale.

2 Ilpieno recupero, non ancora realizzato, dipender in maniera sostanziale dalla ripresadella internazionalizzazione commerciale e apertura internazionale quindi la chiave di volta, il volano, della crescita economica,in particolare per l Italia, economia manifatturiera, con un prezioso patrimonio di piccolee medie imprese che rappresentano il 99% del tessuto produttivo, in grado di offrire suimercati una vasta gamma di prodotti di eccellenza non solo per qualit e contenuto intermini di immagine e di benessere di vita (the Italian way of life) ma anche ad alta af-fidabilit per l innovazione tecnologica che li caratterizza.

3 Stato calcolato che a quattro punti percentuali di aumento dell export di beni e serviziin termini reali corrisponde un aumento di un punto percentuale del PIL; se a ci sui ag-giunge che le nostre esportazioni tra gennaio e novembre del 2010 sono cresciute del15%, dando una fondamentale spinta alla ripresa, si comprende come l export detengaun ruolo centrale nella formazione della ricchezza del paese e nello sviluppo dell interosistema , i processi di crescita all estero comportano difficolt e impedimenti per le im-prese di minori dimensioni, che rendono complessa la scelta di internazionalizzarsi: l in-dividuazione di una strategia promozionale, la carenza di risorse finanziarie, i costi perla raccolta delle informazioni, la riorganizzazione delle funzioni istituzioni sono chiamate a dare una risposta a queste esigenze, poich la compe-tizione globale non investe solo i singoli attori economici, ma tutto il Sistema- obiettivo del Ministero dello Sviluppo Economico, attraverso la Direzione Generale perle Politiche di Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi, quello di accrescereil grado in internazionalizzazione delle aziende.

4 Mettendo in campo strumenti di caratterepromozionale e finanziario per accompagnarne la proiezione sui mercati internazionali:strategie promozionali di sostegno al made in Italy, potenziamento degli strumenti age-volativi esistenti, facilitazione dei processi di internazionalizzazione, collegamenti con leUniversit ed i centri di ricerca, concentrazione delle risorse pubbliche nei settori e nellearee geografiche dal maggior potenziale sono solo alcuni degli interventi verso i quali siindirizza l azione presente pubblicazione si propone di contribuire a migliorare la consapevolezza delquadro complessivo dei programmi promozionali e degli strumenti finanziari di sostegnoall internazionalizzazione che l Amministrazione mette a disposizione delle imprese ope-ranti con l estero, affiancando gli operatori nello sforzo di intercettare la domanda cheorigina dai paesi emergenti e nell impegno di mantenere ed acquisire quote nei mercatipi tradizionali.

5 On. Paolo RomaniMinistro dello Sviluppo EconomicoPOLITICHE E strumenti PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE3 SOMMARIOINTRODUZIONE pag. 5 Ruolo del commercio estero nel nostro sistema economico nazionale 5Il ruolo delle PMI 6Le attivit di promozione del Ministero dello Sviluppo Economico sui mercati internazionali 7 Enti operanti per la promozione e il sostegno l internazionalizzazione delle imprese 8- L Ice - Istituto Nazionale per il Commercio Estero- Le Regioni- Gli Sprint- Sportelli regionali per l

6 Internazionalizzazione delle imprese- La Simest - (Societ italiana per le imprese all estero)- La SACE - Servizi assicurativi del commercio estero- La FINEST - Finanziaria per gli imprenditori del Nord EstCAPITOLO ILE ATTIVITA PROMOZIONALI 11Il programma promozionale annuale affidato all Istituto per il Commercio Estero 11La politica di partenariato 12- Accordi Quadro di Programma- Accordi Quadro di Settore- Accordo per l internazionalizzazione del sistema fieristico italiano.

7 Accordo Quadro con la CRUIIl programma straordinario di promozione del Made in Italy 18Le missioni 21- Le Missioni di sistema- Missioni politico-imprenditoriali- Missioni in Italia con operatori esteri o road show nelle citt italiane preparatorie di missioni estere- Missioni di scouting (o esplorative)- Missioni ispettive e di monitoraggio dell attivit promozionale- Missioni di customer satisfactionI Memoranda of understanding 23Il progetto speciale paesi di nuova adesione UE 25 CAPITOLO IISTRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 27- Finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento tramite apertura di strutture all estero in paesi extra UE- Finanziamento agevolato per la

8 Realizzazione di studi di prefattibilit e di fattibilit collegati a investimenti italiani all estero, nonch programmi di assistenza tecnica collegati ai suddetti investimenti in paesi extra Finanziamento agevolato dei crediti all esportazione- Assicurazione dei crediti all esportazione- Partecipazione di SIMEST al capitale di imprese estere- Fondo unico per operazioni di Venture Capital- Partecipazione di FINEST al capitale di imprese estere- Fondo rotativo finalizzato al finanziamento di interventi aggiuntivi della FINEST per favorire la costituzione di imprese nei Paesi dell area Balcanica- Finanziamento agevolato a favore delle piccole e medie imprese - PMI - esportatrici per il miglioramento e la salvaguardia della loro

9 Solidit patrimoniale al fine di accrescerne la competitivit sui mercati esteri- Fondo di venture capital per imprese start up volte alla internazionalizzazione- Riordinamento delle Camere di Commercio Italiane all Estero- Riordinamento delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura- Concessione di contributi finanziari ai consorzi tra piccole e medie imprese industriali, commerciali e artigiane- Concessione di contributi finanziari ai consorzi agro-alimentari, turistico-alberghieri e agro ittico-turistici- Concessione di contributi finanziari ad Istituti, Enti, Associazioni, Camere di Commercio Italo estere in Italia per iniziative volte a promuovere l esportazionePOLITICHE E strumenti PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE5 INTRODUZIONE RUOLO DEL COMMERCIO ESTERO NEL NOSTRO SISTEMA ECONOMICO NAZIONALE Negli ultimi 20 anni ad ogni punto percentuale di crescita del PIL mondiale hanno corrisposto circa due punti percentuali di crescita del commercio mondiale.

10 Tale rapporto, che fino agli anni 80 era di poco superiore all unit , evidenzia sia il ruolo e il crescente peso del commercio estero nello sviluppo economico che, per ciascun paese, la stretta relazione tra interscambio commerciale e valore aggiunto nazionale. In tempi di globalizzazione, cio di sempre maggiore interdipendenza e integrazione fra i diversi sistemi economici, fa parte della ricchezza e benessere di ogni paese la capacit di affermarsi all estero tramite il proprio patrimonio culturale, di conoscenze e capacit . Per quanto riguarda l Italia il rapporto tra crescita reale ed esportazioni di beni e servizi estremamente stretto essendo l una fortemente dipendente dalle altre.


Related search queries